Questo sito ha bisogno della pubblicità per poter essere mantenuto. Gentilmente disabilita il blocco della pubblicità nel tuo browser per questo sito web.
Caricamento in corso...Caricamento in corso...
Caricamento in corso...

Impianto Fisso

INDICE:

 

Occupiamoci dell'installazione fissa della parabola. Il problema consiste nell'orientare l'antenna in modo che essa punti il proprio asse esattamente verso il satellite prescelto, parcheggiato nella fascia di Clarke.
La prima operazione da eseguire è il sopralluogo del posto dove si vuole installare l'antenna, per accertare la visibilità del satellite interessato. Poiche la distanza tra la parabola e il satellite è notevole, non ci sono incrementi di guadagno nel situare la stessa sul tetto dell'edificio, se non che questo sia necessario per superare eventuali ostacoli. Per fare questo è sufficiente usare la bussola e l'inclinometro. Una volta
individuata la direzione del satellite si potrà accertare immediatamente che lungo la linea dell'elevazione non ci siano ostacoli come edifici, alberi etc. In caso contrario si procederà a quest'ultimo controllo, poggiando un inclinometro su di una barra dritta, impugnando il tutto a mò di fucile.
Il supporto della parabola, necessario per il puntamento fisso è chiamato: AZ - EL, in quanto permette di intervenire per l'aggiustamento dei parametri di AZIMUTH ed ELEVAZIONE. La conoscenza di questi due valori è indispensabile per puntare un'antenna parabolica in direzione di un satellite.
L' AZimut è il valore espresso in gradi che indica l'angolo di rotazione della parabola sul piano orizzontale per il suo allineamento verso il satellite. Leggendo la bussola questo valore sarà riferito a nord.
l' ELEVAZIONE è un valore espresso in gradi che indica l'angolo con cui deve essere inclinata la parabola, rispetto al verticale del luogo per il suo allineamento verso il satellite. Per parabole offset si deve fare attenzione all'angolo di offset, (o fattore di correzione) fornito dal costruttore tra i dati caratteristici.
i valori di AZIMUTH ed ELEVAZIONE dipendono esclusivamente dalla posizione del satellite sull'orbita geostazionaria e dalla posizione della stazione ricevente. Poiché il satellite è posizionato sull'orbita geostazionaria e quindi sul piano equatoriale, la sua posizione è definita in maniera univoca dalla sola  LONGITUDINE. La posizione della stazione ricevente, situata in un punto qualsiasi del globo terrestre, è determinata univocamente dalle coordinate geografiche: LATITUDINE e LONGITUDINE.
Avendo a disposizione questi dati si può risalire al valore di AZIMUTH ed ELEVAZIONE da impostare sull'antenna per puntare un determinato satellite, questi valori possono essere calcolati tramite le due relazioni matematiche seguenti:

Azimut (rispetto a nord) = 180° ± arctg [ tang ( α- θ)/ sinβ

Il segno " + " vale quando la stazione di terra è ad EST rispetto a quella del satellite, il segno " - " quando la stazione di terra è ad OVEST rispetto al satellite.

Elevazione = arctg

dove:
ρ = 6370 Km (raggio terrestre)
R = 42170 Km (distanza del satellite rispetto al centro della terra)
θ = longitudine del satellite
α = longitudine della stazione di terra
β = latitudine della stazione di terra

Se la matematica non è il vostro forte vi viene in aiuto il Diagramma sotto, che vi spiego come usare.
Esempio
Ci interessa ricevere da Messina il Satellite Hot Bird a 13° E.
Guardando un'Atlante Geografico, che sicuramente tutti possediamo, vediamo che la città di Messina si trova a 15,5° di longitudine EST e a 38,2 di latitudine. Lo scarto tra le longitudini è quindi di 2,5 ° (15,5-13).
Nel Diagramma quindi impostiamo : scarto in gradi tra le longitudini 2,5 ° e latitudine a 38,2°.

Se ne ricava uno scostamento a SUD di 4° circa, che sommato a 180° ( Messina è ad EST rispetto a HOT BIRD ) da come risultato 184°, che non è altro che il valore di azimut che deve assumere l'asse dell'antenna per ricevere HOT BIRD. Come elevazione si ha circa 45,6° Che bisogna impostare sulla scala graduata che c'è sul montaggio AZ - EL.

Al termine delle operazioni preliminari del puntamento meccanico, si passa alle regolazioni finali con l'aiuto del misuratore di campo. Una volta collegato l' LNB allo strumento si predispone la sintonia su un canale trasmesso dal satellite. Si procede ora alla regolazione fine dell'azimut, ruotando leggermente il supporto attorno al palo di sostegno, fino ed agganciare il segnale del satellite. A questo punto, disposto lo strumento in funzione "PICTURE" o "SPECTRUM", si ritoccano leggermente l'azimut e l'elevazione, perfezionando il puntamento fino ad ottenere la massima indicazione di livello. Se il supporto è stato montato in modo perfettamente verticale, le regolazioni di elevazione e azimut sono indipendenti e quindi non interagiscono. Prima di ritenere conclusa l'operazione di puntamento, bisogna compensare l'offset di polarizzazione. Ciò si ottiene ruotando l' LNB attorno al proprio supporto in modo da raggiungere la condizione di migliore allineamento tra il piano di poiarizzazione e quello di orientazione del dipolo
Foto pagina 17 in basso
presente entro la guida d'ingresso dell'LNB. La regolazione è raggiunta quando, in funzione "SPECTRUM", sullo schermo dello strumento risulteranno di massima ampiezza le portanti dei canali ricevuti con la polarizzazione voluta (o selezionata) mentre presenteranno la minima ampiezza quelle trasmesse con polarizzazione incrociata.
Chi non ha la fortuna di possede un misuratore di campo (penso in molti visto il costo), può ricorrere al ricevitore SAT che è in grado di fornire un'indicazione diretta del livello del segnale captato.
Certo, c'è da portare sul luogo dell'installazione sia il ricevitore che un piccolo tv che faccia da monitor, ma alla fine sarete premiati dalla soddisfazione personale di essere riusciti.